cataloghi e inventari/manoscritti/catalogo generale dei manoscritti/



CATALOGO GENERALE DEI MANOSCRITTI

Il Catalogo generale dei manoscritti su schede, ubicato nel Salone Furietti, fu introdotto negli anni settanta dell'Ottocento, in sostituzione dell'originario Catalogo su volume di grande formato, avviato intorno al 1840 da Bartolomeo Secco Suardo, oggi consultabile in formato digitale facendone richiesta all'assistente di sala.

Il Catalogo generale dei manoscritti su schede descrive materiali molto eterogenei: dai codici medievali ai carteggi, da documenti d'archivio estrapolati dalle serie d'appartenenza a partiture musicali manoscritte, da singole pergamene a raccolte unitarie di documenti. Diversi sono stati nel corso del tempo i criteri di catalogazione: si va da schede molto dettagliate nella descrizione a segnalazioni sommarie, da semplici rinvii a schede di soggetto. Ne consegue che la ricerca nel Catalogo spesso difficile ed indispensabile molte volte l'aiuto dell'assistente di sala.

A partire dal 2009 stata avviata l'inventariazione e la ricatalogazione dei manoscritti tramite il progetto ManusOnLine dell'Istituto Centrale per il Catalogo Unico, a cura della dott.ssa Marta Gamba. La ricatalogazione partita dai volumi con la collocazione MA (Manoscritti Antichi) e procede sia con il recupero dei dati forniti dai cataloghi e repertori cartacei esistenti, sia con lo studio diretto degli esemplari originali.

Sono da segnalare, a chi fosse interessato a una particolare categoria di manoscritti, i cataloghi speciali (cassaforte, statuti, autografi) e i cataloghi tematici, approntati dalla Biblioteca o da altri istituti nell'ambito di programmi di censimento di manoscritti relativi a particolari materie o a determinate epoche. Tra i cataloghi tematici serve ricordare soprattutto quello dei manoscritti umanistici, opera di Paul Oskar Kristeller, che descrive in forma breve gran parte dei manoscritti librari della Biblioteca Mai.

Oltre al Catalogo generale, ai cataloghi speciali e tematici, pure utile consultare i cataloghi topografici (si richiedono all'assistente di sala), quei cataloghi nei quali i manoscritti sono elencati secondo l'ordine di collocazione sugli scaffali di deposito: