edizioni della biblioteca/il sedime dei mori e la casa di giovan battista moroni/regesti di atti notarili relativi alle unità immobiliari del comparto del monastero di sant'anna e del sedime dei mori



Regesti di atti notarili
relativi alle unità immobiliari
del comparto del monastero di Sant'Anna
e del sedime dei Mori

(I nomi dei membri della famiglia del pittore sono evidenziati in stampatello. Ove non diversamente indicato l'atto notarile è giacente presso l'Archivio di Stato di Bergamo)


1
Biblioteca Civica A.Mai, Extimum generale de Albino 1476
c. 8
Tonolus Zuliani de Caris cum sua etate tantum et habet exercitium laborandi et faciendi lanificium.
Item una alia pecia terre aratorie et vidate iacentis in territorio de Albino ubi dicitur in breda, a mane heredum suprascripti Ambroxeti, a meridie Zanni Tonini et partim heredum Mori Sereni,que est perticarum quinque vel circa.


c. 24v
Pecinus Pezoli Mori Sereni cementarius habet suam etatem artem cementariam.
Item una pecia terre casate et curtive iacentis in Albino ad fornacem, a sero via comunis, a montibus Ambroxii eius fratris.
Item una pecia terre casate curtive et ortive ibi prope, a meridie Tautaldi, a montibus Marini Yovi.
Item una pecia terre casate ubi erat fornacem, a montibus suprascritti Marini, a sero suprascripti Ambroxii.
Item una pecia terre aratorie et vidate jacentis ut supra in coadager, a mane Bonet Quade, a meridie seriole, tabularum XII.


c. 32v
Tonolus condam Johannis de Asolariis habet etates II videlicet suam et Johannis eius filii. Ipse Tonolus facit potecham plurium rerum et laborat de lana et Johannes est sutor mercenarius et Bernardus eius filius minor est factor unius Mediolani.
Item una pecia terre aratorie et vidate iacentis ut supra ad fornacem,a meridie seriola, a mane Ambroxii Mori, perticarum II tabularum 20.


c. 42
Ambroxius Mori Sereni de Moronibus habet suam etatem tantum et vadit murando ut magistro.
Item una pecia terre casate et acelterate et ortive iacentis in Albino ubi dicitur ad fornacem, a sero via comunis, a montibus Zuchanini de Locatello.
Item una pecia terre casate et curtive iacentis ibi prope, a montibus Marini Buxini Yoni, et a mane heredum Pezoli Mori.
Item una pecia terre ortive iacentis ibi prope, a mane Johannis Tonini, a meridie Tautaldi de Spino, tabularum III.
Item una pecia terre aratorie et vidate iacentis ut supra ad fornacem, a meridie seriola, a sero Tonolo de Salvino, tabularum XIII.


c. 64
Marinus quondam Buxini Zovi de Benvenutis habet etates tres videlicet suam et Johannis et Benvenuti eius filiorum, item habent omnes artem preparandi pannos.
Item pecia una terre sedumate casate curtive ortive et aratorie et vidate iacentis in terra de Albino in contrata strate, a montibus strata publica Pergami et in parte heredum Zuchanini de Locatello, a sero suprascripti Zuchanini, a mane Comini eius fratris, que ultra sedumen est perticharum duarum.

c. 79
Bonetus Zanni Boneti habet etates tres videlicet Gasparis et Bertolamei et Jacobi eius filiorum, item laborant et laborare faciunt in lana faciendo de pannis.
Item una pecia terre aratorie et vidate iacentis in territorio de Albino ubi dicitur in ymo quadager, a mane a meridie via comunis et partim suprascripte seriole, perticarum II.


c. 89v
Cominus filius quondam Buxini Yovi de Benvenutis habet tres etates videlicet suam et Tonoli et Pecini eius filiorum, item habent artem fulandi et preparandos pannos.
Item una pecia terre casate ortive aratorie et vidate iacentis in terra de Albino in contrata strate, cui choeret a mane et a montibus strata Pergami, a sero Marini eius fratris, que ultra sedumen est perticarum III.


c. 97v
Antonius dictus Zuchaninus quondam Alberti Bruni de Locatello habet etates quatuor videlicet Morandi Bertoli et Bruni eius filiorum et Johannis eius abiazici filii dicti Morandi, item omnes ipsi sunt mercatores et negociorum gestores in Romandiolam et alibi et laborare facientes lanam et finam et sayinatam et allia res facientes hinc et illinc ut mercatores et negociatores publici.
Item una pecia terre sedumate casate cilterate porticate et apothecate iacentis in suprascripto loco et terra de Albino, a mane Marini condam Buxini Jovi, a montibus ipsa strata et a sero via comunis.
Item una pecia terre campive brolive et murate circum circa, a mane suprascripti Marini Yovi, a sero suprascripta via, que est pertice unius vel circa.


c. 112
Petrus quondam Ambroxetti de Brozonis habet etates duas videlicet suam et Beleboni eius fratris et coniuncti, item exercitium suum laborare et laborari facere in lana.
Item una pecia terre campive et vidate in territorio suprascripto in quadager, a mane via comunis, a meridie Bonetti Quade, perticarum II vel circa.



2
Notaio Solari Giovanni
cart. 822
17 gennaio 1484. Giacomo fu Pezolo Mori Sereni vende ad Ambrogio fu mastro Moro Sereni una porzione di cortile della misura di due tavole, ad fornacem, che confina ad est con l'acquirente, a sud il passaggio ed oltre gli eredi di Teutaldo de Spino, ad ovest e nord il venditore.


3
Notaio Solari Giovanni
cart. 819
2 agosto 1485. Antonio fu Pellegrino Teutaldi de Spino affitta per 9 anni a mastro Pecino fu mastro Pezolo Mori Moroni una terra aratoria e vidata di 4 pertiche ed 8 tavole, ad fornacem, che confina ad est con Bernardino di Tonolo de Assolariis, a sud la seriola del comune, ad ovest la via pubblica, a nord i Mori.


4
Notaio Solari Giovanni
cart. 822
1 luglio 1488. Mastro Pecino fu Pezolo Mori Sereni Moroni vende a mastro Ambrogio fu Moro Sereni Moroni una terra aratoria ed ortiva di tavole 13,5, ad fornacem, che confina ad est con Bartolomeo di Boneto Quade, a sud la seriola del Comune di Albino, ad ovest l'acquirente, a nord già di Antonio fu Giovanni Tonini de Locatello.


5
Notaio Solari Giovanni
cart. 823
6 gennaio 1489. Bernardino fu Tonolo de Assolariis vende a mastro Ambrogio fu Moro Moroni una terra aratoria e vidata di pertiche 2 tavole 19 piedi 5 once 7, ad fornacem, che confina ad est con mastro Ambrogio, a sud la seriola dei mulini del Comune, ad ovest mastro Pecino fu Pezolo Mori, a nord gli eredi di Antonio fu Giovanni Tonini de Locatello.


6
Notaio Solari Giovanni
cart. 820
4 febbraio 1491. Giacomo fu Pezolo Mori Moroni affitta per tre anni a Zambono fu Mafiolo Leporis de Isabellis un fondo di casa con cella sopra in contrada della fornace, che confina ad est con Ambrogio Mori, a sud Pecino Mori, ad ovest il citato Giacomo, a nord Felice da Leffe.


7
Notaio Giorgi Paolo
cart. 672
18 maggio 1492. Pecino fu Pezolo Mori su richiesta del console di Albino Pietro Personeni fa una dichiarazione riguardante la nuova opera in contrada dela rasega, ad fornacem, che confina ad est con Antonio Mori, a sud la seriola del Comune, ad ovest la via, a nord Pecino Mori, in relazione alla sua posizione rispetto alla proprietà comunale.


8
Notaio Solari Giovanni
cart. 823
4 dicembre 1492. Mastro Ambrogio fu Moro Moroni rivende a Giacomo fu Pezolo Mori Moroni una porzione di cortile di 2 tavole, ad fornazem, che confina ad est con mastro Ambrogio, a sud il passaggio di mastro Ambrogio ed oltre il passaggio di Pecino Mori, ad ovest e nord il citato Giacomo.


9
Notaio Giorgi Paolo
cart. 672
19 agosto 1496. Gli arbitri eletti da Francesco fu Martino detto Zucanino de Locatello abitante di Albino da una parte e da Giovan Battista suo fratello dall'altra fanno le seguenti divisioni:
assegnano a Giovan Battista metà terra ortiva e murata di una pertica in contrada di via Nova seu dela fornace, che confina ad est con Marino Jo de Benvenutis, a sud quelli di Moro Sereni, ad ovest la via, a nord l'altra metà assegnata a Francesco;
assegnano a Francesco l'altra metà della stessa terra, che confina ad est con Marino Jo de Benvenutis, a sud la metà data a Giovan Battista, ad ovest la strada, a nord gli eredi di Antonio fu Giovanni de Locatello.


10
Notaio Solari Giovanni
cart. 820
19 marzo 1498. Mastro Ambrogio fu mastro Moro Moroni e suo nipote Giacomo fu mastro Pezolo Mori convengono che al muro ad est e portico della casa in contrada della fornace, fabbricati dallo stesso Giacomo a sue spese su suolo comune, detto Ambrogio ed eredi possano appoggiare loro costruzioni, pagando la metà del muro. Il muro è lungo braccia 18 e una quarta ed è su parte comune per braccia 3 e mezza quarta.


11
Notaio Solari Giovanni
cart. 827
c. 274
4 settembre 1502. Testamento di Ambrogio fu mastro Moro Moroni. Nomina eredi i figli Antonio, Bernardo e Pietro.
Ad Antonio lascia una casa in contrada Pontis Albine; due pertiche di terra ad est di una terra aratoria vidata e murata sui lati est e nord, in codagro, che confina ad est con la strada di codagro, a sud la seriola e oltre la strada del comune, ad ovest la terra data a Bernardino, a nord ser Felice da Leffe e gli eredi di Antonio di Giovanni Tonini de Locatello.
A Bernardino lascia una terra casata solerata copata areata sedumata, senza però la caneva che assegna a Pietro, in contrada della fornace, ad domum illorum Mori, che confina ad est e sud con mastro Pecino fu Pezolo Mori Moroni, ad ovest la strada, a nord Giovan Battista Zucanino de Locatello; due pertiche della citata terra aratoria e vidata in contrada di Codagro, che confinano ad est con la terra data ad Antonio, a sud la seriola del comune ed oltre la strada, ad ovest altre due pertiche di terra date a Pietro, a nord gli eredi di Antonio di Giovanni Tonini de Locatello.
A Pietro lascia una terra casata solerata copata ortiva areata con un forno, in contrada della fornace, ad domum illorum Mori seu Ambroxi Mori, che confina ad est con MORETTO di mastro Pezolo Mori, a sud mastro Pecino di Pezolo Mori, ad ovest Alessandrino di Fiobbio, a nord ser Marino Jo de Benvenutis; la canepa inclusa nella casa assegnata a Bernardino con il diritto di accesso nel fondo e non sul solaio; due pertiche ad ovest della citata terra aratoria e vidata in contrada di Codagro seu dela fornace, che confinano ad est con la terra data a Bernardino, a sud la seriola ed oltre la strada, ad ovest mastro Pecino Mori, a nord gli eredi di Antonio di Giovanni Tonini de Locatello; un orto lì vicino a nord della citata terra, incluso fra la casa di Giacomo di Pezolo Mori e la terra degli eredi di Antonio di Giovanni Tonini de Locatello.


12
Notaio Solari Giovanni
cart. 821
17 aprile 1505. Giovan Battista fu Martino Zucanini de Locatello affitta per 9 anni a Bernardino fu Ambrogio Mori una terra ortiva e fruttiferina di 8 tavole in contrada della fornace, che confina ad est con Pecino Mori e gli eredi di Marino Jo, a sud detto Bernardino, ad ovest la strada, a nord detto Giovan Battista. L'orto si estende dalla casa di Bernardino verso nord fino all'albero di gelso bianco.


13
Notaio Spini Antonio
cart. 969, vol. II
c. 488
1 marzo 1507. Giovannino fu Benvenuto Benvenuti, anche a nome del fratello Giovan Pietro, affitta a Luigi fu mastro Dalmazio de Coldanis di Cremona, abitante di Albino, ed a Benvenuto fu Mafiolo della Ripa una apoteca in Via Nova, che confina ad est e sud con i fratelli citati, ad ovest la via, a nord Giovan Bruno de Locatellis.


14
Notaio Moroni Maffiolo
cart. 1031
c. 122
17 agosto 1507. Mastro Antonio fu Ambrogio Mori vende a Pietro fu Comino Personeni una terra aratoria vidata murata di due pertiche in contrada di Codagher, che confina ad est con la strada, a sud la strada e la seriola del Comune, ad ovest Bernardino Mori suo fratello, a nord gli eredi di Antonio Locatelli e Felice da Leffe.


15
Notaio Giorgi Paolo
cart. 672
c. 13v
4 aprile 1508. Lazarino fu Job de Colonio cittadino di Bergamo vende a Comino fu Michele Personeni una terra aratoria e vidata di 4 pertiche, ad fornacem sive ad rasegam, che confina ad est con MORETTO Mori, a sud la seriola, ad ovest la strada, a nord Pecino Mori ed eredi Ambrogio Mori, di 4 pertiche.


16
Notaio Moroni Maffiolo
cart. 1031
c. 165
18 dicembre 1508. Siccome Antonio fu Ambrogio Mori Moroni aveva venduto con mio atto notarile del 17 agosto 1507 a Pietro fu Comino Personeni una terra di circa due pertiche in contrada de codager, che confina ad est con la strada, a sud con la seriola di Albino ed oltre la strada, ad ovest Bernardino fratello del venditore, a nord lo stesso Bernardino, Gio.Francesco fu Antonio de Locatellis e Felice da Leffe, ora, avendo riscontrato che la terra misura 7 tavole 5 piedi e 5 onze in più, Pietro paga la quantità aggiuntiva con lire 27 e soldi 18.


17
Notaio Giorgi Paolo
cart. 672
c. 15
15 febbraio 1509. Antonio fu Comino Personeni vende a Giovanni di Domenico Benzoni, operante anche per il fratello Sebastiano, una terra aratoria e vidata di 4 pertiche in contrada dela fornace seu dela rasega, che confina ad est con gli eredi di MORETTO fu Pezolo Mori e gli eredi di Ambrogio Mori, a sud la seriola del comune, ad ovest la strada del comune, a nord Pecino Mori, gli eredi di MORETTO Mori, gli eredi di Ambrogio Mori.


18
Notaio Borella Francesco
cart. 1345
c. 249
24 ottobre 1509. Mariola di mastro Ambrogio Usubelli moglie di Maffeo de Legrenzis di Clusone detto de Flobio cede a Pietro fu Ambrogio Mori Moroni la sua quota parte di casa in Albino in contrada della fornace, ad domos illorum Mori Sereni, che confina ad est col citato Pietro, a sud mastro Pecino Mori e l'andata, ad ovest mastro Pecino Mori, a nord quelli di Marino Jone.


19
Notaio Solari Giovan Pietro
cart. 1410
c. 77v
22 gennaio 1519. Bernardino fu Ambrogio Mori Moroni vende a mastro Pietro suo fratello una camera con sopra metà solaio a ovest verso la strada, ad domum illorum Mori Sereni, con scala che sale dalla strada, che confina ad est e sud col venditore, ad ovest la via pubblica, a nord l'orto o brolo degli eredi di Zucanino de Locatellis, e sta sopra una apoteca.


20
Notaio Solari Giovan Pietro
cart. 1410
c. 100
3 luglio 1519. Mastro FRANCESCO fu mastro Moretto Mori Moroni, vende a mastro Pietro fu Ambrogio Mori la servitù di passaggio, anche con carri, attraverso la sua aia per andare ai campi dello stesso Pietro. L'aia confina ad est con mastro Giacomo Mori, a sud l'orto del venditore, ad ovest mastro Pietro acquirente, a nord lo stesso Francesco; gli vende anche un triangolo di orto dai lati di braccia 2,5 partendo dal campo di Pietro verso ovest, e di 5 braccia verso sud.
(...Servitute eundi et redeundi pedestre et equestre et cum broziis equis et carris oneratis et exoneratis, et per se et per totam eius familiam, et per quemlibet eius nuncium etc. per petiam terre hareate ipsius Francisci videlicet pro eundo in agros seu campos ipsius Petri, tam presentes quam futuros quos habet et si in futurum habebit sub domibus ipsorum Mori, qua area est apud domum ipsius Francisci venditoris et ad eius magistri Petri et suorum heredum et successorum libitum etc. cui tote haree choeret a mane etc. magistri Jacobi Mori, a meridie etc. ortus ipsius venditoris, a sero etc. ipsius magistri Petri emptoris et a montibus ipsius Francisci venditoris et hoc in una parte. Et in alia parte de brachiis duobus cum dimidio a muro in latitudine ex et de muro ipsius Francisci existente supra ortum ipsius Francisci incipiendo mensurare in summo campi ipsius magistri Petri a sero parte et mensurando versus sero in murum ipsius magistri Francisci. Et in alia parte de brachiis quinque terre ortive ex et de orto ipsius magistri Francisci incipiendo mensurare in muro orti suprascripti superius vendito et mensurando versus meridiem usque in campum ipsius magistri Petri in triangulum, qui triangulus sit longus brachia quinque a muro suprascripto mensuranda per ortum ipsius Francisci, et quod in fine ipsorum brachiorum quinque a meridie parte predicte ipse triangulus super terreno ipsius Francisci incipiendo mensurare ipsa brachia quinque ibi ubi finiuntur ipsa brachia duo cum dimidio muri versus sero in muro ipsius Francisci, et qui triangulus sit latus reddenter murum suprascriptum tantum quantum capiunt ipsa brachia duo cum dimidio muri superius venditi, cui terreno choeret a mane etc. ipsius magistri Petri emptoris, a meridie etc. partim suprascripti emptoris et partim suprascripti venditoris, a sero suprascripti venditoris et a monte incessus.)


21
Notaio Solari Giovan Pietro
cart. 1410
19 agosto 1525. Divisioni fra Sebastiano fu Domenico Benzoni e suo fratello Giovanni abitante a Venezia e rappresentato dal suo procuratore Comino Personeni. Nella porzione di Sebastiano c'è una terra aratoria e vidata di 4 pertiche situata in contrata de la fornace seu de la rasega, che confina ad est con gli eredi di MORETTO fu Pezolo Mori Sereni Moroni e Pietro fu Ambrogio Mori, a sud la seriola del Comune, ad ovest la strada pubblica, a nord gli eredi di mastro Pecino Mori, gli eredi di mastro MORETTO Mori e Pietro fu Ambrogio Mori.


22
Archivio di Stato di Milano, Fondo di religione
cart. 3089, Volume degli instromenti 1499-1653
c. 99
15 settembre 1525. Donazione al monastero di una terra casata murata copata solerata ciltrata sita nella via che va al Serio, che confina ad est e sud con gli eredi di Busino Benvenuti, ad ovest la via, a nord gli eredi di Bruno de Locatellis. Alla casa sono annesse due pertiche di terra.


23
Archivio di Stato di Milano, Fondo di religione
cart. 3084
"Libro delle memorie del convento di Santa Maria della Riva d'Albino"
c. 6v
Madonna Lucrezia Agliardi vedova di Francesco Vertova dette principio al Convento di Sant'Anna dell'Ordine delle Sorelle di Santa Maria del Carmine di osservanza e le suore con lei cominciarono ad abitarlo il 10 dicembre 1525.
Bernardo tintore de Spino e Giovanni Marini comprarono una casa con il cortile e due pertiche di giardino dai figlioli di Benvenuto di Busino Benvenuti, con atto del notaio Antonio di Luchino de Spino, e la donarono per il convento. Essi ebbero espressa licenza non solo dalla Credenza di Albino, ma da tutto il Consiglio.


24
Notaio Solari Giovan Pietro
cart. 1410
c. 18v
5 maggio 1526. Mastro Antonio fu Bonetto de Spino, operante anche per i figli Bonetto e Giovan Pietro, vende a Sebastiano fu Domenico Benzoni di San Giovanni Bianco, abitante di Albino, una terra ortiva di una pertica e due tavole circondata da muro, con tre clauderiis per panni lana, situata ad fornacem, che confina ad est e nord con gli eredi di Felice da Leffe, a sud con Battista fu Pietro Personeni, ad ovest l'andata che serve detta terra e Pietro Mori, col diritto eundi et redeundi per sedumen sive per portam et haream seduminis illorum Mauri Sereni de Moronibus die noctuque pedestre et equester et cum equis et broziis oneratis et exoneratis pro servitute dicte petie terre.
Lo stesso giorno Sebastiano Benzoni affitta ad Antonio e figli quella terra.


25
Notaio Solari Giovan Pietro
cart. 1410
c. 20v
7 maggio 1526. Mastro Antonio fu Bonetto de Spino, anche a nome dei figli Bonetto e Giovan Pietro, essendo affittuario di Sebastiano Benzoni, affitta a mastro Pietro fu Ambrogio Mori Moroni per 9 anni un pedeliprando che è a ovest di un orto cintato da muro in contrada della fornace, ad ripam Antonini Done; il pedeliprando confina ad est col muro del citato orto, a sud l'andata dell'orto, a ovest l'orto di mastro Pietro, a nord gli eredi di Felice da Leffe.


26
Notaio Solari Giovan Pietro
cart. 1410
c. 130
5 novembre 1527. Sebastiano fu Domenico Benzoni vende a mastro Bartolomeo fu Pecino Mori Moroni due pertiche e 19 tavole ad ovest di una terra aratoria in contrada della fornace che misura complessivamente 4 pertiche, ad domum illorum Mauri, che confina ad est con Alberto Moroni con conduttore mastro FRANCESCO fu Moretto, e Pietro fu Ambrogio Mori, a sud la seriola del Comune di Albino, ad ovest la strada pubblica, a nord Bartolomeo acquirente, Bernardino fu Ambrogio Mori, gli eredi di Francesco fu Pecino Mori, Pietro fu Ambrogio Mauri, FRANCESCO fu Moretto; sono riservate al venditore 29 tavole di terra ad est.


27
Archivio di Stato di Milano, Pergamene
n. 31, Convento di Santa Maria della Ripa.
7 ottobre 1528. Gian Giacomo e Marco Antonio Spini vendono a Pezolo fu Lombardo da Comenduno, sindaco delle Monache di Sant'Anna, una terra casata copata solerata porticata areata bregnata in Albino in strata, che in passato Bernardo Spini aveva acquistato da Giovanni Locatelli, e che confina ad est con gli eredi di Giovanni Busini e le Monache, a sud il convento, ad ovest la via Nova, a nord la strada pubblica.


28
Notaio Solari Giovan Pietro
cart. 1410
c. 4v
1 aprile 1529. Mastro Andrea e Giovan Pietro fu Bartolomeo Mori, agenti anche per Morone, Matteo e Giuseppe loro fratelli, vendono con diritto di riscatto a Battista fu Pietro Personeni una apoteca che dà sulla strada pubblica e un capulo ad est dell'apoteca, in contrada della fornace, ad domum illorum Mauri, che confina ad est e nord con Bernardino fu Ambrogio Mori, a sud la scala dei venditori e l'andata del sedime dei Mori, ad ovest strada pubblica.
Battista Personeni affitta per 5 anni l'apoteca a mastro Andrea e fratelli.


29
Notaio Personeni Battista
cart. 1574
c. 99
14 novembre 1530. I tutori di Giovan Pietro fu Giacomo Isabelli vendono ad Andrea fu Mafiolo Marini un fondo di apoteca in Via Nova, ad domos illorum Mori, che confina ad est e nord con Bernardino fu Ambrogio Mori, a sud Bartolomeo Mori, ad ovest la via pubblica.


30
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1484
c. 249
5 settembre 1531. Antonio fu Pietro Pulzini fa permuta con i fratelli Maffeo, Cristoforo e Moresco da Leffe. Antonio cede ai fratelli da Leffe una terra di 12 tavole in passato prativa ed ora ortiva e vidata in contrada della fornace, ad campum Busini supra fornacem, che confina ad est con Antonio, a sud i fratelli da Leffe e le Monache di Sant'Anna, ad ovest il passaggio dei fratelli da Leffe per andare alla fornace, a nord la restante parte dei fratelli da Leffe, col diritto di accesso a detta terra e ad un'altra terra che ora è broliva ed appartiene ad Antonio; il passaggio corre sotto le case dei da Leffe.
I fratelli da Leffe cedono ad Antonio una terra di 12 tavole che in passato era prativa campiva ripata arboriva vidata ed ora è prativa vidata arboriva e ripata in contrada di chodagher, ove si dice in cho dager, che confina ad est con la strada, a sud i fratelli da Leffe, ad ovest detto Antonio, a nord la restante parte di Cristoforo e Moresco da Leffe, con il patto che i muri che dividono le due parti restino in comune.


31
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1484
c. 255v
30 ottobre 1531. Moresco fu Felice da Leffe, operante anche per il fratello Cristoforo, vende ad Antonio fu Pietro Pulzini una terra di circa 3 pertiche prativa, broliva, con più specie di alberi da frutto nel prato, aratoria, vidata, con muro attorno, in contrada di Codagher, ad brolum d.Christofori et Moreschi de Leffe a cho dager, che confina ad est con la via di Chodager, a sud e ovest Antonio acquirente, a nord gli eredi di Francesco Fruchie, la Confraternita dei Disciplini, Gabriele de Borellis ed i fratelli da Leffe.


32
Notaio Personeni Battista
cart. 1571
c. 187
27 dicembre 1531. Bernardino fu Ambrogio Mori vende al Comune di Albino metà apoteca verso est con la camera sopra in contrada della fornace, che confina ad est con il portico del venditore, a sud gli eredi di mastro Bartolomeo Mori, a ovest l'altra metà apoteca di Andrea Marini, a nord il venditore.


33
Notaio Personeni Battista,
cart. 1574
c. 233v
3 aprile 1532. Battista fu Pietro Personeni vende a Giovan Pietro e Giuseppe fu Bartolomeo Mori Moroni, operanti anche per il fratello mastro Andrea, una apoteca con casello in Albino in contrada del forner, nella casa dei citati fratelli, che confina ad est e nord con mastro Bernardino Mori, a sud l'andata, ad ovest la strada pubblica. L'aveva da loro acquistata il 1 aprile 1529.


34
Notaio Personeni Battista
cart. 1575
13 aprile 1532. Battista fu Bernardino de Locatellis, operante anche per il fratello Antonio, vende ad Antonio fu Zinino Cassotti de Mazolenis di Valle Imagna, abitante di Albino, una terra ortiva di 12 tavole tutto attorno murata, in via Nova, che confina ad est e nord con le Monache di Sant'Anna, a sud Battista fu Pietro Personeni, ad ovest la via.


35
Notaio Personeni Battista
cart. 1574
c. 31v
22 luglio 1532. Battista fu Pietro Personeni, procuratore di mastro Andrea fu Bartolomeo Mori Moroni e di suo fratello Giovan Pietro, affitta per 6 anni a Giovan Marco fu Bernardino de Berulinis di Nembro, abitante di Albino, una terra casata copata areata in Albino in contrada dela fornace, che confina ad est con don Alberto Moroni, a sud i fratelli Mori, ad ovest Bernardino Mori, a nord le Monache di Sant'Anna.


36
Notaio Personeni Battista
cart. 1574
c. 45v
15 agosto 1532. Don Alberto fu Antonio Moroni rivende a FRANCESCO fu Moretto Moroni una terra ortiva di tavole 16 sub domibus illorum Mori, che confina ad est con Don Alberto, a sud Sebastiano Benzoni, ad ovest gli eredi di mastro Bartolomeo Mori e Don Alberto, a nord il passaggio.
(... Nominatim de quadam petia terre ortive vidate iacentis in territorio de Albino sub domibus illorum Mori, cui choeret a mane suprascripti d. domini Alberti sive eius matris, a meridie Sebastiani Filatoij, a sero heredum magistri Bartolomei Mauri et partim suprascripti d. domini Alberti sive eius matris, a montibus incessus, salvis etc. tabularum sexdecim seu tanta quanta est).


37
Notaio Personeni Battista
cart. 1574
c. 46v
16 agosto 1532. Mastro FRANCESCO fu Moretto Mori Moroni affitta per 5 anni a Gelmino fu Giovanni Tonsi de Melis di Piano abitante di Albino una terra casata copata solerata areata, che confina ad est con lo stesso Francesco, a sud l'orto infrascritto, ad ovest gli eredi di mastro Pietro Mori, a nord le Monache di Sant'Anna; affitta anche una terra ortiva aratoria e vidata di 16 tavole, che confina ad est con gli eredi di mastro Pietro Mori, a sud Sebastiano Benzoni, ad ovest gli eredi di mastro Bartolomeo Mori, a nord la terra sopra descritta.
(... Ibi magister Franciscus f.q.magistri Moreti Mauri de Moronibus de Albino titulo ... simplicis locationis investivit et investit Guelminus f.q.Johannis Tonsi de Meliis de Piano habitantis de Albino hinc ad annos quinque proxime futuros nominatim de quadam petia terre casate copate solerate et areate, cui choeret a mane Jacobi Mauri, a meridie incessus et ultra infrascripta petia terre ortive, a sero heredum magistri Petri Mauri et a montibus Moniales d. S.Anne; et de quadam alia pecia terre ortive, aratorie et vidate iacentis in suprascripto loco et contrata, cui choeret a mane suprascriptorum heredum magistri Petri Mauri, a meridie domini Sebastiani Benzoni, a sero heredum magistri Bertolamei Mauri et a montibus incessus et ultra suprascripta petia terre salvis etc., tabularum sexdecim vel circha seu tanta quanta est...)


38
Notaio Personeni Battista
cart.1574
c.57
14 novembre 1532. Mastro Andrea e Giovan Pietro fu Bartolomeo Mori in comunione di beni fanno le divisioni.
Ad Andrea tocca una terra casata copata solerata, ossia una apoteca con un casello ad est e la camera sopra l'apoteca, sita in via Nova ad fornacem, col servizio della scala in comune fino alla finestra ad ovest che sta alla sommità, che confina ad est e nord con Bernardino fu Ambrogio Moroni, a sud la parte di Giovan Pietro, ad ovest la strada; il sottoscala per braccia 4,5 in lungo ed in largo fino al pilastro entra nella parte di Giovan Pietro; metà ad est di una terra aratoria ed ortiva che è in totale di due pertiche e 19 tavole, che confina ad est con mastro FRANCESCO fu mastro Moretto Moroni ed in parte Sebastiano Benzoni, a sud la seriola del comune, ad ovest la strada, a nord l'andata comune dei Mori.
A Giovan Pietro tocca il residuo della casa in via Nova, ossia la cucina che è sopra l'andata e quanto sta sopra; braccia 4,5 in lungo ed in largo fino al pilastro sotto la scala per farci un casello; l'altra metà ad ovest della terra aratoria ed ortiva sotto le case.


39
Notaio Personeni Battista
cart. 1471
c. 378
20 novembre 1532. Mastro Andrea Moroni vende al cognato Vincenzo fu Guarino Bonesa di Gorno una terra casata copata solerata con apoteca e casello, che confina ad est e nord con la famiglia di mastro Bernardino Moroni, a sud suo fratello Giovan Pietro, ad ovest la strada.


40
Notaio Personeni Battista
cart. 1571
c. 619
27 maggio 1534. Maffeo fu Felice da Leffe, a nome della moglie Bona fu Pietro Pulzini, vende ai suoi fratelli Cristoforo e Moresco due terzi della terra aratoria vidata ripata e in parte murata, con tutta la fornace, i portici, la casupola e le arcis aderenti alla fornace, nel luogo ove si dice ad campum et ad fornacem domini Felixii de Leffe, che confina ad est con la strada pubblica, a sud Battista fu Pietro Personeni, Antonio fu Bonetto de Spino, eredi di Pietro fu Ambrogio Mori, Giacomo Mori, ad ovest le Monache di Sant'Anna, a nord il citato Maffeo; et de tota terra latericia lapidibus et laborerio a fornace esistenti in detta terra e sopra la strada contigua alla fornace. Vende anche un'altra terra ortiva e vidata in detto luogo ove si dice al ortello, che confina ad est con Antonio Pulzini, a sud il citato Maffeo e le Monache di Sant'Anna, a nord Cristoforo e Moresco; un'altra terra ortiva e in parte murata, ove si dice al orto de Bonet, che confina ad est con la strada, a sud Antonio Pulzini, ad ovest gli eredi di Gabriele de Borellis, a nord più persone; un'altra terra con bregno lì vicina in la hera de quelli de Bonet, che confina ad est con la strada, a sud Battista Personeni, ad ovest l'aia dei Bonetti Quade, a nord quelli di Ganda.


41
Notaio Battista Personeni
cart. 1574
c. 96v
11 giugno 1534. Michele e Pietro fu Giacomo Personeni affittano per un anno ad Ambrogio fu Guarnerio de Guarneris, operante anche per i fratelli Antonio, Francesco e Giacomo, una terra aratoria e vidata di una pertica, sub fornacem, che confina ad est con Antonio Pulzini, a sud la seriola del comune, ad ovest gli eredi di Pietro fu Ambrogio Mori, a nord Sebastiano Benzoni.


42
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1472
c. 129
5 luglio 1538. Testamento di mastro Giacomo fu Pezolo Mori e della moglie Giovannina fu Paxino Capra di Cenate. Nominano erede unico dei loro beni il nipote FRANCESCO fu Moretto Moroni.


43
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1479
c. 34v
23 gennaio 1539. Don Alberto fu Antonio Mori, procuratore di Caterina sua madre, vende a Pecino fu Francesco fu Pecino Mori, la decima parte di un fitto perpetuo indiviso con gli altri Mori di 4 lire ed un cappone, da dare ogni anno agli eredi di Gaspare da Comenduno per una terra casata murata solerata copata e areata in contrada della fornace, ad domos illorum Mori.


44
Notaio Personeni Battista
cart. 1575
6 febbraio 1539. Cristoforo e Moresco fu Felice da Leffe vendono a Lorenzo fu Salvino de Piscatoribus di Villa d'Ogna loro creditore, una terra aratoria e vidata di 4 pertiche con una fornace murata e copata in contrada di Codagher, che confina ad est con la strada di Chodager, a sud Battista fu Pietro Personeni con conduttori quelli di Antonio Done de Spino, gli eredi di Pietro fu Ambrogio Mori, Giacomo fu Pezolo Mori Moroni, ad ovest quelli di Antonio Done e le Monache di Sant'Anna, a nord Maffeo fratello dei venditori. Lorenzo la affitta ai fratelli Da Leffe.


45
Notaio Personeni Battista
cart.1572
c.31
7 maggio 1539. Pecino Mori affitta per 6 anni a Gian Marco Birolini una terra casata copata solerata cilterata in contrada della fornace, che confina ad est con Pietro fu Ambrogio Mori, a sud gli eredi di Bartolomeo Mori, ad ovest Bernardino Mori, a nord le Monache di Sant'Anna e Battista Personeni.


46
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1479
c. 273
2 agosto 1539. Pietro fu Giacomo Personeni vende al fratello Michele la metà indivisa di una terra aratoria e vidata di una pertica in contrada sub fornace seu ad codager, che confina ad est con Antonio Pulzini, a sud la seriola del Comune, ad ovest Pietro fu Ambrogio Mori, a nord Sebastiano fu Domenico Benzoni.


47
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1480
c. 193
9 dicembre 1541. Battista fu Pietro Personeni vende a Michele fu Giacomo Personeni le terre in vanzola, in summo Albini supra bolium rini, e una terra aratoria e vidata di una pertica in contrada de subtus fornacem, che confina ad est con i Pulzini, a sud la seriola, ad ovest gli eredi di Pietro Mori, a nord detto Michele o claudere a pannis di suo diritto; un'altra terra vicina, che confina ad est con gli eredi di Pietro Mori, a sud la seriola, ad ovest gli eredi di Caterina fu Antonio Mori, a nord FRANCESCO fu Moretto Mori Moroni.


48--
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1480
c. 237v
17 aprile 1542. Michele fu Giacomo Personeni e la moglie Maria fu Sebastiano Benzoni rivendono ad Antonio fu Giovan Andrea Done de Spino una terra ortiva circondata da muro di una pertica e due tavole, con tre clauderiis aptis ad siccandum de pannis lane et sbarandum, sita in contrada della fornace, che confina ad est e nord con gli eredi di Felice da Leffe, a sud Battista fu Pietro Personeni, ad ovest l'andata di servizio alla terra e gli eredi di Pietro Mori.


49
Notaio Personeni Battista
cart. 1572
c. 277
30 luglio 1543. Michele fu Giacomo Personeni e Pietro Giacomo fu Battista Personeni, tutori di Pellegrino, Giovan Francesco e Marcantonio fu Battista Personeni, affittano per 7 anni ad Ambrogio fu Guarnerio de Guarneris una terra aratoria e vidata di 3 pertiche e 12 tavole in contrada di cho dager, che confina ad est con la via, a sud con la via e la seriola, ad ovest Antonio Pulzini, a nord Cristoforo e Moresco fu Felice da Leffe e gli eredi di mastro Antonio fu Bonetto de Spino; una terra aratoria e vidata lì vicina di una pertica, che confina ad est con Antonio Pulzini, a sud la seriola, ad ovest eredi di Pietro fu Ambrogio Mori Moroni, a nord gli eredi di mastro Antonio fu Bonetto de Spino; una terra aratoria lì vicina di 29 tavole, che confina ad est con gli eredi di Pietro Mori Moroni, a sud la seriola, ad ovest don Alberto Moroni, a nord mastro FRANCESCO fu Moretto Moroni.


50
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1473
c. 339
14 settembre 1543. I tutori di Gian Francesco e Marcantonio fu Battista Personeni vendono a Pietro Giacomo Personeni le seguenti terre: 1) terra aratoria e vidata in contrada de la fornace sive de chodager, ubi dicitur ad chodager, che confina ad est con la strada, a sud la strada e la seriola, ad ovest Antonio Pulzini, a nord Antonio fu Giovan Andrea Done e Maffeo de Leffe, di pertiche 3,5; 2) una terra aratoria e vidata lì vicina, che confina ad est con Antonio Pulzini, a sud la seriola, ad ovest il reverendo Alberto Moroni, a nord il citato Antonio fu Giovan Andrea Done, di una pertica; 3) una terra aratoria lì vicina, che confina ad est e ovest con Don Alberto Moroni, a sud la seriola, a nord mastro FRANCESCO di Moretto Moroni, di una pertica e 5 tavole; 4) una terra prativa aratoria salesiva ad brachium pontis Serii, che confina ad est con i fratelli Personeni, a sud il vaso del Serio, ad ovest il braccio del ponte, a nord la strada, di pertiche 2,5.


51
Notaio Personeni Battista
cart. 1573
c. 393
16 aprile 1546. Pietro Giacomo fu Battista Personeni vende a Michele fu Giacomo Personeni, tutore di Pellegrino, Giovan Francesco e Marcantonio fu Battista Personeni, una terra aratoria e vidata di pertiche 3,5 in Albino, a cho dager, che confina ad est con la via, a sud la via e la seriola del comune, ad ovest gli eredi di Antonio Pulzini, a nord gli eredi di Antonio fu Bonetto de Spino e la terra della fornace di Moresco e Cristoforo da Leffe. Gli vende anche un'altra terra lì vicina di 29 tavole, che confina ad est e ovest con Don Alberto Moroni, a sud la seriola, a nord mastro FRANCESCO fu Moretto Moroni.


52
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1474
c. 751
16 aprile 1546. I tutori di Pellegrino, Gian Francesco e Marcantonio fu Battista fu Pietro Personeni vendono a Pietro fu Ambrogio Albi de Isabellis una terra aratoria e vidata in contrada della fornace, ad campum de codagher, che confina ad est con la strada, a sud con la strada e la seriola, ad ovest gli eredi di Antonio Pulzini, a nord gli eredi di Antonio Done de Spino e gli eredi di Cristoforo da Leffe, di pertiche 3,5; vende anche 12 tavole di terra da togliere da un appezzamento di una pertica e 5 tavole in quel luogo, che confina ad est ed ovest con Alberto Moroni, a sud la seriola, a nord con FRANCESCO fu Moretto Moroni.


53
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2735
11 aprile 1548. Bertolo fu Giovanni Bertolaia, procuratore di Matteo fu Antonio Busini de Benvenutis, vende a Giovanni fu Bernardino Ce Busini de Benvenutis, operante anche per il fratello Marino, un tratto di cortile largo due braccia dal muro e lungo 11 braccia, nel sedime dei Busini in contrada strate, a nord delle 4 braccia di cortile vendute dallo stesso Matteo alle Monache di Sant'Anna; il cortile confina ad est con gli acquirenti, a sud ed ovest le Monache di Sant'Anna, a nord gli acquirenti e Bartolomeo Busini de Benvenutis.


54
Notaio Personeni Battista
cart. 1573
c. 592
19 novembre 1548. Le Monache di Sant'Anna, col consenso di Battistino Moroni sindaco del monastero, concedono a Giovannino fu Bernardino detto Ce de Benvenutis la facoltà di appoggiare una costruzione al muro delle Monache fino all'altezza degli oculos situati in detto muro per illuminare il coro della chiesa.


55
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1482
c. 22v
28 gennaio 1549. Michele fu Giacomo Personeni e Pietro Giacomo fu Battista Personeni agenti per Pellegrino, Giovanni, Francesco, Marco Antonio fu citato Battista Personeni concedono a mastro Pecino fu Francesco fu Pecino Mori Moroni la licenza di costruire un balcone nel muro sito ad est del loro orto in contrada di Via Nova o della fornace, ad domum magistri Pecini Mori, con obbligo di collocarvi una ferrata idonea e col patto di chiuderlo se i Personeni vorranno costruire contro detto muro.


56
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart.1482
c.51v
18 marzo 1549. Gerolamo fu Giovanni fu Andrea fu Antonio Done de Spino, operante anche per i fratelli Pre Giuseppe ed Antonio, Giovan Pietro fu Antonio Done, e Giacomo fu Boneto fu Antonio Done, affitta per tre anni a Don Alberto Moroni la terra posta oltre il muro ad ovest di una terra prativa e clauderata in contrada della fornace, ove si dice ad clauderiis illorum Done, che confina ad est col muro di detta terra, a sud il passaggio, ad ovest Don Alberto, ossia una terra ortiva, a nord gli eredi di Cristoforo da Leffe.


57
Notaio Personeni Battista
cart. 1573
c. 608
22 dicembre 1550. Marco fu Antonio de Benvenutis e Bertolo detto Tolaio fu Giovanni de Zannis Carrara di Albino vendono a Paolo fu Vianolo de Berlendis, sindaco delle Monache di Sant'Anna, una terra casata copata solerata areata in contrada strate, in domibus illorum Busini, che confina ad est con l'andata, a sud ed ovest le Monache, a nord Bartolomeo fu Giovanni Busini e gli eredi di Bernardino detto Ce dei Busini; l'aia è a sud della casa, larga quanto la casa stessa e va dalla cantonata della casa alla cantonata delle Monache che fu dei Busini.


58
Notaio Personeni Battista
cart. 1573
c. 609
7 gennaio 1551. Pellegrino fu Battista Personeni, operante anche per i fratelli Giovan Francesco e Marcantonio, affitta ad Ambrogio fu Guarnerio de Guarneris, operante anche per il fratello Giacomo, una terra aratoria e vidata di pertiche 3,5 in territorio di cho dager, che confina ad est con la via di chodager, a sud la via e la seriola, ad ovest gli eredi di Antonio Pulzini, a nord gli eredi di Moresco da Leffe e mastro Antonio fu Bonetto de Spino; un'altra terra aratoria e vidata di una pertica lì vicina, che confina ad est con gli eredi di Antonio Pulzini, a sud la seriola, ad ovest gli eredi di Pietro fu Ambrogio Mori, a nord gli eredi di Antonio fu Bonetto de Spino; un'altra terra aratoria di 29 tavole lì vicina, che confina ad est con gli eredi di Pietro Moroni, a sud la seriola, ad ovest Don Alberto Moroni, a nord mastro FRANCESCO fu Moretto Moroni.


59
Notaio Personeni Battista
cart. 1573
c. 617
10 febbraio 1552. Pellegrino e Giovan Francesco fu Battista Personeni, operanti anche per il fratello Marcantonio, vendono a Michele fu Giacomo Personeni una terra aratoria e vidata di 4 pertiche, ad viam de cho dager, che confina ad est con la via de chodager, a sud la via e la seriola, ad ovest gli eredi di Antonio Pulzini, a nord gli eredi di Moresco da Leffe e di Bonetto fu Antonio de Spino; un'altra terra di una pertica lì vicina, che confina ad est con gli eredi di Antonio Pulzini, a sud la seriola, ad ovest gli eredi di mastro Pietro Moroni, a nord gli eredi di mastro Antonio de Spino; un'altra terra aratoria di una pertica e 5 tavole lì vicina, che confina ad est con gli eredi di mastro Pietro Moroni, a sud la seriola, ad ovest gli eredi di Caterina vedova di mastro Antonio Moroni, a nord mastro FRANCESCO fu Moretto Moroni.


60
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1475
c.47
2 aprile 1552. Pietro fu Ambrogio Albi Isabelli rivende a Pellegrino e Gio.Francesco fu Battista fu Pietro Personeni una terra aratoria e vidata, in parte murata in contrada della fornace, ad campum de chodager, che confina ad est con la strada, a sud la strada e la seriola, ad ovest gli eredi di Antonio Pulzini, a nord gli eredi di Antonio Done de Spino e gli eredi di Cristoforo da Leffe, di pertiche 3,5; inoltre 12 tavole da togliere da una terra di una pertica e 5 tavole nello stesso luogo, che confina ad est ed ovest con Don Alberto Moroni, a sud la seriola, a nord FRANCESCO fu Moretto Moroni.
Pellegrino e Gio.Francesco, operanti anche per il fratello Marcantonio, vendono a Michele fu Giacomo Personeni le terre sopra descritte ed un'altra terra aratoria di una pertica in quel luogo, che confina ad est con gli eredi di Antonio Pulzini, a sud la seriola, ad ovest gli eredi di Caterina vedova di mastro Antonio Mori, a nord gli eredi di Antonio Done de Spino.


61
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2732
c. 161
3 novembre 1553. Battistino fu Ambrogio Moretti Moroni, sindaco della Misericordia di Albino, rivende a Giacomo fu Bernardino Mori Moroni una apoteca in via Nova, ad apotecam magistri Bernardini Mori, che confina ad est e nord con Giacomo Mori, a sud gli eredi di Bartolomeo Mori, ad ovest la strada pubblica.


62
Notaio Personeni Battista
cart. 1574
c. 176
14 giugno 1555. Giovan Pietro fu Giovan Antonio di Valtesse e Presaida sua moglie, che è figlia di Alberto Moroni, vendono a mastro Pecino fu Francesco Moroni una terra aratoria di pertiche 1,5 in via Nova, sub domibus illorum Mori, che confina ad est con Pietro di Michele Personeni e mastro FRANCESCO fu Moretto Moroni, a sud Giacomo fu Bernardino Moroni e le sue sorelle, ad ovest la Via Nova, a nord gli eredi di mastro Pecino fu Pezolo Moroni.


63
Notaio Tiraboschi Stefanino
cart. 1681
c. 294
16 ottobre 1555. In presenza dei testimoni FRANCESCO e suo figlio GIOVAN BATTISTA Moroni, Giacomina fu Pietro Mori Moroni, vedova di Giovan Pietro Tiraboschi di Bracca, prende possesso dei seguenti beni del padre: una terra campiva e vidata di una pertica, in campo Petri Mori, che confina ad est con Michele Personeni, a sud la seriola, ad ovest mastro FRANCESCO Moroni, a nord Alessandro Donne; una terra ortiva di 4 tavole, ad ortum Petri Mori, che confina ad est con quelli di Donne de Spino, a sud il passaggio, ad ovest mastro FRANCESCO Moroni, a nord i Moroni; una casa murata copata lì vicina con cortile, che confina ad est con mastro FRANCESCO Moroni, a sud il passaggio, a nord le Monache di Sant'Anna.


64
Biblioteca Civica A.Mai di Bergamo
Vicario Pretorio, cart. 4
c. 293
5 dicembre 1555. I giudici eletti da Don Alberto fu Antonio Moroni e mastro Luigi Marinoni di Desenzano, operante per la moglie Lucia sorella di detto Alberto, quantificano in lire 700 la dote dovuta a Lucia, contro le 400 proposte dal defunto Antonio. La cifra è stabilita tenendo conto delle dichiarazioni di Luigi, del compromesso di Bartolomeo Zanchi curatore dell'eredità del defunto Antonio, della valutazione della casa cilterata solerata copata con corte forno e orto in contrada di Sant'Anna ovvero di Via Nova, che confina ad est con la strada, a sud Pietro Giacomo Personeni, ad ovest Battista Bonasio, a nord Antonio detto Foletto, casa lasciata a Don Alberto dal padre e del valore di 1920 lire con stima giurata di mastro FRANCESCO Moretto e di mastro Pietro Giacomo del Tonolino muratori, ed un'altra casa in contrata dela fornace del Moro venduta per 800 lire da Don Alberto e faceva parte dei beni del padre Antonio.


65
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2722
c. 30v
22 febbraio 1557. Giovan Maria fu Ricuperato de Balestrieris abitante di Bergamo, procuratore di Caterina fu mastro Martino Ambrosetti Brozoni di Albino vedova di Antonio fu Bernardo Locatelli, prende corporale possesso dei seguenti beni del suocero per ricuperare l'importo della propria dote: una terra casata murata solerata copata porticata curtiva in contrada platee strate, che confina ad est con la strada, a sud Turino de Marinis, ad ovest Marcantonio Spini e Bernardino Burse, a nord la strada pubblica di Bergamo; una terra ortiva e murata in contrada di Via Nova, che confina ad est e nord con le Monache di S.Anna, a sud gli eredi di Battista Personeni, ad ovest la strada pubblica.


66
Notaio Personeni Battista
cart. 1573
c. 786
11 marzo 1557. Giacomo fu mastro Bernardino Moroni affitta per 5 anni al cognato Alberto di Giovanni di Valtellina, abitante di Albino, una casa copata solerata di 3 fondi con quanto sta sopra, in contrada di Via Nova, che confina ad est e sud col proprietario, ad ovest la Via Nova, a nord gli eredi di Battista di Pietro Personeni.


67
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2722
c. 46
12 marzo 1557. Marcantonio fu Francesco Locatelli curatore generale dei beni del defunto Antonio fu Bernardo Locatelli dichiara di aver trovato i seguenti beni del defunto: metà indivisa con Battista fu Bernardino Locatelli di una terra casata murata solerata copata porticata lobiata e curtiva in platea strate, che confina ad est con la strada, a sud Turino Marini, ad ovest Marcantonio Spini e Bernardino Bursa, a nord la strada pubblica; metà di una terra ortiva e murata in Via Nova, che confina ad est e nord con le Monache di S.Anna, a sud gli eredi di Battista Personeni, ad ovest la strada pubblica.


68
Notaio Personeni Battista
cart. 1573
c. 799
27 settembre 1557. Antonio fu Andrea de Spino e sua moglie Antonia fu Serafino Brigata affittano per 6 anni a Paolo fu Deleidino Signori una terra ortiva e in parte vidata con tre clauderiis, ad fornacem, che confina ad est e nord con gli eredi di Moresco da Leffe, a sud Michele Personeni, gli eredi di Antonio Pulzini e mastro FRANCESCO Moroni, ad ovest l'andata e Giacomo fu Bernardino Moroni.


69
Notaio Vitalba Antonio
cart. 2306
15 novembre 1559. L'ufficiale Redolfo fu Antenore de Mazolis di Albino mette Giovan Pietro de Curte, agente per la moglie Presaida Moroni, in possesso di un orto di Giacomo fu Bernardino Mori Moroni, ad ortum fornacis, che confina ad est con ser Antonello della Dona, a sud il passaggio, ad ovest mastro FRANCESCO fu Moretto Mori, a nord gli eredi di ser Moresco; e di una terra casata cilterata con una apoteca e porzione di cortile, ad domum Bernardini Mauri, che è di proprietà dello stesso Giacomo e confina ad est con mastro Pecino Mori, a sud il passaggio e gli eredi di Vincenzo da Gorle, ad ovest la strada e detti eredi, a nord Pellegrino e i fratelli Personeni.


70
Notaio Personeni Giovanni
cart. 1847
2 marzo 1560. Paolo fu Deleidino Signori affitta per 5 anni a mastro FRANCESCO fu Moretto Moroni un peliprando posto extra murum ad ovest delle ciodere di sua proprietà, ove si dice ad domos illorum Mori.


71
Notaio Vitalba Antonio
cart. 2306
26 marzo 1560. Giacomo fu Bernardino Mori vende ad Alberto di Giovanni de Rebustellis di Grosotto di Valtellina, abitante di Albino, una terra casata copata solerata cilterata in contrada della fornace, ad domum illorum Mauri, che confina ad est e sud con detto Giacomo, ad ovest la strada, a nord gli eredi di Battista Personeni.


72
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2724
c. 161
7 aprile 1563. Michele fu Giacomo Personeni affitta per sette anni a mastro Ambrogio fu Bernardino de Marinis una terra aratoria e vidata di 5 pertiche, ad fornacem, che confina ad est con la strada, a sud la strada e la seriola, ad ovest mastro FRANCESCO Moretti, a nord gli eredi Done.
Lo stesso Michele affitta per sette anni a mastro FRANCESCO fu Moretto Mori una terra aratoria e vidata di una pertica e 5 tavole ad fornacem, che confina ad est e nord con mastro FRANCESCO, a sud la seriola, ad ovest mastro Pecino Mori.


73
Notaio Seradobati Gian Luigi
cart. 1476
c. 200
22 ottobre 1565. Le Monache di Sant'Anna vendono con diritto di riscatto a Lazzaro fu Giovan Pietro Solari una terra casata murata solerata copata porticata cilterata areata curtiva, con portico e due apoteche murate e croserate verso nord e due canepe sotterrane ad altri corpi di casa, ad domos que fuerunt Joannis Bruni de Locatellis, che confina ad est con i Busini de Benvenutis, a sud la chiesa di Sant'Anna, ad ovest la strada che va al ponte, a nord la strada pubblica di Bergamo. È data facoltà a Lazzaro di abbassar la chiesa a sue spese in modo che non superi il cornicione in essa esistente; potrà fare due rosoni provvisti di ferramenta sul muro a nord della chiesa per dare luce alla stessa. Si potrà fare un portico ed una porta ad ovest di detta terra, ma tali da non impedire la luce ai rosoni sopra citati.


74
Archivio di Stato di Milano, Fondo di Religione
cart. 3087 - Fondi e livelli in Albino 1565-1620 volume.
27 maggio 1566. Testimonianza di FRANCESCO fu Moretto Mori, architetto, riguardante il valore della casa che si affaccia sulla Piazza, venduta dalle Monache a Lazzaro Solari:
"È vero che sono più anni che io conosco la sudetta casa venduta per le sudette venerabili Monache a detto domino Lazaro per pretio de lire trei millia seicento quaranta una imperiali, per quanto haggio inteso esser venduta detto pretio, perché in quella sono abitato molto tempo, come all'hora fittavolo delle prefate venerabili Monache, qual cosa considerando il sito et fabrica sua al giudizio mio tengo et mi pare sia sta venduta per giusto pretio, atteso anchora che detta casa minacciava molta ruina, et tengo per mio giudizio che detta vendita ceda in evidente utilità di detto monasterio, perché di essa casa al tempo che da loro si affittava non ne cavavano di fitto salvo che lire settanta in circa ogni anno, et del detto pretio di detta vendita, implicandolo overo investendolo, ne caveranno de fitto lire cento settanta imperiali vel circa ogni anno.
Etatis annorum sexaginta et plurium, habente in bonis valorem scutorum quinquecentum et ultra."



75
Notaio Seradobati Giovan Battista
cart. 3950
c. 195
9 settembre 1567. Il padre Giovita Gorzano, vicario generale della congregazione carmelitana, approva la vendita della casa fatta il 22 ottobre 1565 dal monastero di Sant'Anna a Lazzaro Solari. La casa venduta è murata solerata copata porticata cilterata areata e cortiva, con portico, 2 apoteche, 2 caneve sotterranee ed un altro portico a nord, sita in contrada stratae ad domos que fuerunt d.Johannis Bruni de Locatellis, che confina ad est con i Busini de Benvenutis, a sud la chiesa di Sant'Anna, ad ovest la via Nova, a nord la strada del Comune di Bergamo.


76
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2734
17 giugno 1568. Bernardino e Massimo fu Bernardino Locatelli di Albino abitanti sul bresciano, operanti anche per il fratello Gian Giacomo, vendono a mastro Paolo fu Deleidino Signori un orto cintato da muro in contrada di Via Nova, che confina ad est e nord con le Monache di Sant'Anna, a sud gli eredi di Battista Personeni, ad ovest la via Nova.


77
Biblioteca Civica A.Mai di Bergamo
Vicario Pretorio
cart. 82
c. 20
8 luglio 1568. Lazzaro Solari espone che Paolo Deleidini Signori si era impegnato con Bernardo e fratelli Locatelli di Albino ad acquistare una terra casata copata cortiva in Albino in contrada strate de Via Nova, ad domos que fuerunt illorum Zani de Locatellis, che confina ad est con la Via Nova, a sud Turino Marini, ad ovest Bernardo Burse, a nord la strada di Bergamo, ed una terra ortiva tutto attorno murata in contrada di Via Nova, che confina ad est e nord con le Monache di Sant'Anna, a sud Battista Personeni, ad ovest la Via Nova. Avendo fatto la vendita e versata la prima rata, ma non essendo Paolo in grado di soddisfare all'impegno, vendette quei beni a Lazzaro Solari.


78
Notaio Seradobati Giovan Battista
cart. 3950
c. 292
3 maggio 1569. Antonio fu Andrea Done de Spino vende a Gerolamo fu Antonio Guarneri de Guarneris, operante anche per i suoi fratelli Alberto e Sebastiano e per il cugino Vitale, quodam piliprando seu pauco terreno sive andata, di circa un quarto di tavola, in contrada di via Nova, in ripa fornacis, che confina ad est con il muro del venditore, a sud l'andata della ripa, ad ovest l'acquirente, a nord Moresco e fratello da Leffe.


79
Notaio Personeni Gian Giacomo
cart. 2472
c. 117
9 maggio 1569. I reggenti della Misericordia di Albino rivendono a mastro FRANCESCO fu mastro Moretto Moroni "quadam petia terre casate et murate iacentis in terra de Albino, in contrata de Via Nova ubi dicitur ale case del Moretto, de qua alias prefatus magister Morettus datum fecerat domino Petro quondam Tonoli de Vitalibus ut constat publicis documentis dati et locationis traditis per dominum Morescum de Leffe notarium seu alium notarium de anno 1497 seu ut in eis quibus etc. Et de qua petia terre prefatus dominus Petrus fecit legatum prefato Consortio, ut constat instrumento sui testamenti rogato per dominum Antonium de Spino notarium seu alium notarium, diei ut in eo cui etc."


80
Notaio Tiraboschi Alessandro
cart. 1844
c. 258
22 agosto 1569. Presaida fu Alberto Moroni di Albino moglie di Giovan Pietro fu Antonio de Curte di Valtesse, in presenza di BATTISTA di Francesco Moroni parente prossimo per linea paterna, vende a mastro Pecino cementario fu Francesco Moroni 6 tavole di terra da scorporare a scelta di Pecino da una terra aratoria, in parte vidata e a ovest murata, sita in Albino in contrada della fornace, che confina ad est con Michele Personeni, a sud la seriola del comune, ad ovest la strada pubblica, a nord gli eredi di Andrea Moroni; le altre 36 tavole sono già state vendute allo stesso Pecino con atto del notaio Gian Andrea Aregazzoli di Bergamo.


81
Notaio Solari Lazzaro
Cart. 2727
c. 30
11 marzo 1570. Michele fu Giacomo Personeni vende a Pellegrino, Gio.Francesco e Marcantonio fu Battista fu Pietro Personeni una terra aratoria vidata e in parte murata in contrada di codagro, sub fornace, che confina ad est con la strada, a sud la seriola del comune ed oltre la strada, ad ovest gli eredi di Antonio Pulzini, a nord Antonio Donne de Spino e gli eredi di Felice da Leffe, di circa 4 pertiche; una terra aratoria e vidata lì vicina, che confina ad est con gli eredi di Antonio Pulzini, a sud la seriola, ad ovest mastro FRANCESCO Moroni, a nord Antonio Donne de Spino, di una pertica; una terra aratoria e vidata nello stesso luogo, che confina ad est con mastro FRANCESCO Moroni, a sud la seriola di Albino, ad ovest Pecino Mori Moroni, a nord mastro FRANCESCO Moretti, di una pertica e 5 tavole. Michele aveva affittato fino al prossimo San Martino le prime due a Sebastiano Varneri e fratelli, e la terza a FRANCESCO Moroni.


82
Notaio Solari Lazzaro
Cart. 2728
c. 227
5 maggio 1572. Gerolamo e Sebastiano fu Antonio Guarneri de Marinis e Vitale fu Giacomo fu Guarnerio Marini da una parte, ed Alberto fu Antonio Guarneri dall'altra fanno le divisioni. Nella parte che tocca a Gerolamo, Sebastiano e Vitale c'è una terra casata murata solerata copata lobiata porticata curtiva in Via Nova, ad domos que fuerunt Petri Mori de Moronibus, che confina ad est con mastro FRANCESCO Mori Moroni, a sud l'incesso, ad ovest mastro Pecino Moroni, a nord le Monache di S.Anna. Nella parte di Alberto c'è una terra ortiva in sedumine illorum Mori, che confina ad est con la ripa dei Done de Spino, a sud l'andata, ad ovest mastro FRANCESCO Moroni, a nord eredi di Moresco da Leffe.


83
Notaio Donati Giulio
cart. 3209
c. 102
14 gennaio 1576. Giovan Francesco fu Battista Personeni vende a Giovan Francesco di Giovan Battista Vitalba due pertiche di terra aratoria e vidata da scegliere su sei pertiche e cinque tavole in cho d'agher, che confina ad est con la strada, a sud la seriola, ad ovest mastro Pecino Mori, a nord gli eredi di Moresco da Leffe.


84
Notaio Ballis Pietro
cart. 3531
c. 197v
4 novembre 1577. Paxino fu Pietro Signori di Comenduno, erede per un terzo del fratello Paolo, vende a Giovan Francesco Spini, operante per conto di Giovan Pietro de Russis di Palazzolo professore di grammatica e abitante nel distretto di Brescia, otto tavole da prelevare su una terra vidata ripata broliva fruttiferina di due pertiche ad fornacem illorum de Leffe, che confina ad est con la strada mediante il muro, a sud gli eredi di Felice da Leffe, ad ovest il passaggio, a nord gli eredi di Felice da Leffe e Giovanni Pulzini.


85
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2734
c. 110
27 gennaio 1578. Mastro Marchiondo fu Giovanni de Mutiis di Averara abitante di Albino, che aveva acquistato da Giovan Francesco fu Battista Personeni, vende a Marco di Paolo Cedrelli una terra aratoria e vidata di una pertica, ad fornacem, che confina ad est con Paolo avente causa da Simone Pulzini, a sud la seriola del Comune, ad ovest BATTISTA Moroni, a nord Paolo Deleidino. Cede detta terra a saldo del credito che Marco Cedrelli aveva col defunto Giovan Francesco Personeni, che era stato parzialmente pagato con la vendita di due terre vicine: una che confina ad est e nord con BATTISTA Moroni, a sud la seriola, ad ovest mastro Pecino Mori, e l'altra vidata e murata, che confina ad est con la strada, a sud con la strada e la seriola, ad ovest detto Paolo avente causa da Simone Pulzini, a nord Felice da Leffe e mastro Paolo Deleidino.


86
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2729
c. 33
5 marzo 1578. BATTISTA fu Francesco Moretti Moroni, col consenso di Pellegrino fu Battista Personeni e di Giulio fu Pietro Giacomo Personeni, vende a Marco di Paolo Cedrelli una terra aratoria di una pertica e 5 tavole, sub fornace in via nova, che confina ad est e nord col venditore, a sud la seriola, ad ovest mastro Pecino Moroni.


87
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2729
c. 38
10 marzo 1578. Francesco fu Giovan Battista Vitalba di Nembro, cittadino di Bergamo, col consenso di Pellegrino fu Battista Personeni e di Giulio fu Pietro Giacomo Personeni, vende a Paolo Cedrelli due pertiche di terra aratoria e vidata, da togliere da un appezzamento di 6 pertiche e 5 tavole, a chodager, che confina ad est con la strada, a sud la seriola del comune, ad ovest mastro Pecino Mori, a nord gli eredi di Moresco da Leffe.


88
Biblioteca Civica A.Mai di Bergamo
Pergamene del Comune
n. 2803
30 dicembre 1578. Simone fu Antonio Pulzini abitante a Bergamo, operante anche per il suocero Lodovico de Cazulonibus, vende a Paolo fu Marco Cedrelli di Albino una terra aratoria e vidata di 12 tavole, ad fornacem, che confina ad est e ovest con l'acquirente che ha avuto causa dal defunto Giovan Francesco Personeni, a sud la seriola del comune, a nord Paolo Deleidini.


89
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2730
c. 158
10 maggio 1579. Marco fu Paolo Cedrelli, anche a nome del fratello Rocco, salda a Pellegrino Personeni il prezzo delle seguenti terre che aveva acquistato il 20 aprile 1579 da Giovan Francesco fu Battista Personeni:
una terra aratoria in contrada di Codagro, sub fornace, che confina ad est con la strada, a sud la strada e la seriola di Albino, ad ovest Simone Pulzini ed ora Marco e Rocco Cedrelli, a nord gli eredi di Felice da Leffe e mastro Paolo Deleidini ossia ser Antonio Donne de Spino;
una terra aratoria nella stessa contrada, che confina ad est con Simone Pulzini ed ora Marco e Rocco Cedrelli, a sud la seriola, ad ovest BATTISTA Moroni con diritto di riscatto di Giovan Francesco Personeni, a nord mastro Paolo Deleidini ossia Antonio Donne;
una terra aratoria nello stesso luogo, che confina ad est con BATTISTA Moroni con diritto di riscatto di Giovan Francesco Personeni, a sud la seriola di Albino, ad ovest mastro Pecino Mori ed eredi di Giacomo fu Bernardino Mori, a nord BATTISTA Moroni.
Le tre terre misurano in tutto 6 pertiche, 3 tavole e 8 piedi.


90
Notaio Solari Lazzaro
Cart. 2730
c. 37
20 giugno 1580. Mastro Alberto fu Giovanni Zobietti di Grosotto Valtellina ora abitante di Albino, anche per il figlio Giovanni avuto dalla moglie Lucia fu Bernardino Mori Moroni, vende a mastro Giulio una terra ortiva in contrada della fornace, che confina ad est con Giovan Marco Cedrelli, a sud la seriola di Albino, ad ovest Lucrezia fu Bernardino Mori, a nord l'acquirente.


91
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2731
c. 86
7 maggio 1588. Gerolamo fu Andrea Donne de Spino, anche a nome del fratello Pre Giuseppe, dona a Bonetto fu Giacomo Donne de Spino il diritto di esigere da Giovan Maria di Bernardo Burse Moroni una terra ortiva vidata fruttifera circondata da muro, ad fornacem, che confina ad est con gli eredi di Felice da Leffe, a sud Rocco Cedrelli ed eredi di BATTISTA Moroni, ad ovest eredi di BATTISTA Moroni, a nord gli eredi di BATTISTA Moroni e gli eredi di Felice da Leffe.


92
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2731
c. 89
11 maggio 1588. Antonio fu Gian Andrea Donne de Spino abitante a Camignono (Brescia) vende a Bonetto fu Giacomo Donne de Spino una terra ortiva broliva circondata da muro di una pertica e due tavole, ove in passato c'erano 3 chiodere ad siccandum et sbarandum de pannis lanae, ad fornacem, che confina ad est e nord con gli eredi di Felice da Leffe, a sud Rocco Cedrelli che aveva avuto causa da Battista Personeni, ad ovest l'andata e gli eredi di Pietro Mori Moroni.


93
Notaio Carrara Gottardo
cart. 3502
c. 371
20 giugno 1588. Inventario dei beni del defunto Giovan Pietro Mori Moroni fatto su istanza di Giulio fu Pecino Mori Moroni, operante anche per i fratelli Pietro e Francesco, in presenza di Dorotea fu Giovan Pietro Mori e su mandato dei consoli di giustizia: una bottega in contrada di Sant'Anna ove si dice al botigetto delli eredi di Giovan Pietro del Moro, che confina ad est e nord con gli eredi di Vincenzo da Gorle, a sud l'andata comune di diversi abitanti, ad ovest la strada pubblica; un canevetto sotto l'andata comunicante con detta bottega e con l'orto infrascritto; un orto attaccato al canevetto a sud, che confina ad est e sud con Giulio e fratelli, ad ovest la strada, a nord il canevetto; la cucina sopra l'andata, che ad est, sud ed ovest confina con alcuna cosa salvo la strada in basso ad ovest, a nord la colmentia degli eredi di Vincenzo da Gorle.


94
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2732
c. 32
3 marzo 1589. Bonetto fu Giacomo de Spino, che ha acquistato da Antonio fu Gian Andrea de Spino una terra ortiva vidata fruttiferina circondata da muro in Albino, ad fornacem, che confina ad est con gli eredi di Felice da Leffe, a sud Rocco Cedrelli ed eredi di BATTISTA Moroni, ad ovest gli eredi di BATTISTA Moroni, a nord eredi di BATTISTA Moroni ed eredi di Felice da Leffe, proroga di tre anni la locazione di detta terra a Giovan Maria fu Bernardo Moroni.


95
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2732
c. 151
2 marzo 1590. Rocco fu Paolo Cedrelli, erede del fratello Gian Marco, vende al monastero di Sant'Anna una terra aratoria di sei pertiche cintata da muro ad est e nord, ad fornacem de Codagro, che confina ad est con la strada di Codagro, a sud la seriola di Albino, ad ovest gli eredi di mastro FRANCESCO Moretti Moroni, a nord gli eredi di Moresco da Leffe e Bonetto de Spino; un'altra terra aratoria di circa una pertica in detto luogo, che confina ad est e nord con gli eredi di mastro FRANCESCO Moretti Moroni, a sud la seriola, ad ovest mastro Giulio Moroni. La priora affitta dette terre a Rocco per 5 anni con facoltà di riscatto.


96
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2732
c. 206
31 agosto 1590. Francesca vedova di Alberto Guarneri de Marinis e Gerolamo e Sebastiano fu Antonio Guarneri, tutori del diciassettenne Pietro Antonio fu citato Alberto, pressati dalla miseria, vendono ad ALESSANDRO fu Giovan Battista Moroni, operante anche per i suoi fratelli, una terra ortiva e vidata di tre tavole cintata da muro su tre lati, in contrada di Via Nova ad fornacem, che confina ad est con Bonetto de Spino, a sud il passaggio, ad ovest i fratelli acquirenti, a nord gli eredi di Felice da Leffe.


97
Notaio Solari Lazzaro
cart. 2732
c. 269
10 dicembre 1590. Giulio fu Pecino Moroni, erede per un terzo di Francesco fu architetto Andrea Mori e per la metà di Giovan Pietro fratello di Andrea, da una parte e Dorotea fu Giovan Pietro Mori, vedova di Francesco fu Battista de Mutiis, dall'altra parte giungono a questo accordo: Giulio rinuncia all'eredità di mastro Giovan Pietro e Dorotea gli vende l'apoteca già di Giovan Pietro in Via Nova, che confina ad est con la stessa Dorotea, a sud l'andata che serve le case, ad ovest la strada, a nord gli eredi di Vincenzo da Gorle; gli vende anche una terra ortiva di 5 tavole in quel luogo, che confina ad est e sud con Giulio, ad ovest la strada, a nord Dorotea mediante una tavola di orto e l'andata. Giulio ne prenderà possesso dopo la morte di Dorotea.


98
Archivio di Stato di Milano, Fondo di religione
cart. 3089
c. 1
26 luglio 1591. Dorotea fu Giovan Pietro Mori Moroni vende a Giulio di Pecino Mori il diritto su una apoteca situata a nord della sua casa in contrada di via Nova, col solaio corrispondente e la canepa sotterranea cilterata esistente sotto l'andata della porta del sedime dei Mori, che confina ad est con l'andata, a sud il citato Giulio, ad ovest la strada; gli vende inoltre una tavola di orto cintato da muro a sud della canepa, che confina ad est con metà del muro di Giulio, a sud lo stesso Giulio, ad ovest la strada pubblica, a nord la canepa di Giulio, con il diritto di fabbricarvi fino all'altezza del piano della cucina di Dorotea situata in solaio a nord, e col diritto di tenere la gamba di vite a sud della canepa e della facciata della casa di Dorotea fino alla vendemmia, poi potrà essere estirpata. I coniugi potranno fare una lobbia, sul lato sud della facciata, larga 5 quarte dal muro e lunga verso est quanto il muro esistente fuori dalla canepa. Nel caso però che i coniugi vendano la casa dovranno prima eliminare la lobbia.


99
Notaio Solari Lazzaro
Cart. 2733
c. 178
26 luglio 1591. Giulio fu Pecino Mori Moroni cede a Dorotea fu Pietro Mori Moroni moglie di Francesco fu Battista de Mutiis il diritto di godere finchè vive l'apoteca che sta nella sua casa in Via Nova, il pollaio, la canepa che sta sotto l'andata del sedime dei Mori ed una tavola di orto.


100
Notaio Carrara Gottardo
cart. 3502
9 dicembre 1592. Lucrezia fu Bernardino Mori, vedova di Grazioso fu Giovanni del Foresto, vende a Giulio fu Pecino Mori tre tavole di terra aratoria ed ortiva in contrada di Sant'Anna, che confina ad est ovest e nord con l'acquirente, a sud la seriola del maglio.


101
Archivio Curia Vescovile di Bergamo, Visite Pastorali
vol. 33, c. 102
1594
Havendo noi secondo la forma del Concilio di Trento visitato la clausura del monasterio delle reverende Madre Monache di Sant'Anna di questo luogo d'Albino, ordiniamo che in termine d'un anno sia alzato il muro divisorio del giardino, qual vole che vada uguale all'altro muro qual è in fondo del giardino, chiudendosi pure quella finestra in detto muro sita, nel qual pare sia posta una colmegna, talmente che non si possa vardare nel giardino.
Et si ponga una tela alle fessure della rota qual risponde in chiesa.
Con grandissimo nostro dispiacere habbiamo veduto non essere essequite l'ordinationi fatte dal nostro precessore circa la prefata clausura del monasterio. Però di novo ordiniamo conforme a dette ordinationi.
Chel muro qual è sopra la porta per la quale s'entra in detto monasterio se inalza talmente che non si possa guardare in detto monasterio per le fenestre et case che sono all'incontro.
Parimente si inalzi quella parte del muro della corte vicina al giardino del monasterio eguale a quella parte del muro verso la strata, et acciò che le nostre ordinationi non siano sprezate come sin hora si è visto, ordiniamo che le soprascritte ordinationi siano essequite in termine di un anno, sotto pena della scomunica a die intimationis decretorum preteritorum.



102
Notaio Ballis Pietro
cart. 3533
c. 684
11 settembre 1595. Pre Tranquillo de Saviis procuratore di Pietro Giacomo fu Pellegrino Personeni, attualmente abitante a Venezia, vende a Giovan Battista e Pietro fu Alberto Moroni di Albino una terra ortiva circondata da muro in contrada di Sant'Anna, al orto de meser Piligrino Personeno, che confina ad est con gli iura del convento di Sant'Anna, a sud gli eredi di Giulio Personeni, ad ovest la strada pubblica, a nord gli eredi di Lazzaro Solari, con patto che detta terra non si possa alienare.


103
Notaio Vitalba Gian Paolo
cart. 3521
23 maggio 1597. Gerolamo fu Marino Benvenuti, procuratore del cugino Marcantonio fu Giovanni Benvenuti residente a Benevento, affitta per 5 anni a Pietro fu Bartolomeo Isabelli detto Zuchino una terra casata copata solerata cortiva porticata cilterata, con diversi corpi di case di sotto e di sopra, con due botteghe rivolte verso la strada, e ortiva e broliva, sita in Albino in contrada di piazza ovver di strata, che confina ad est con Battista Marangone, mastro Alberto Piantoni, gli eredi di Antonio Pulzini e la strada detta di capo d'agri, a sud Rocco Cedrello, Bonetto de Spino, ALESSANDRO e MARIO MORONI, le Monache di Sant'Anna, ad ovest gli eredi di Lazzaro Solari e le Monache, a nord la strada. Non sono compresi nella locazione tre locali in alto, cioè camere, cucina e loggia ed un fondo di casa da basso con una piccola corte vicina all'orto, assegnati da Gerolamo a Elisabetta Spini sua cugina. È esclusa pure un'altra camera con solaio situata sopra l'andata della porta della casa ove ha riposto alcuni suoi mobili.


104
Notaio Carrara Gottardo
cart. 3504
23 gennaio 1601. Pietro Giacomo fu Pellegrino Personeni vende a Giovan Battista e Pietro fu Alberto Moroni una terra ortiva di 8 tavole circondata da muro in contrada di Sant'Anna, ad hortum de Personenis, che confina ad est e nord con le Monache di Sant'Anna, a sud gli eredi di Pecino Mori, ad ovest la strada pubblica.


105
Notaio Solari Giovan Pietro
cart. 3150
c. 203
21 settembre 1601. Le Monache di Sant'Anna concedono al nobile Pietro fu Alberto Moroni di Albino, operante anche per il fratello Giovan Battista, di godere gratis per sempre dello stillicidio del tetto della casa costruita dalle Monache in una terra ortiva in contrada di via Nova acquistata dall'eredità del notaio Lazzaro Solari. Detto stillicidio cade sulla terra che i Moroni hanno acquistato da Pietro fu Pellegrino Personeni.


106
Notaio Carrara Gottardo
cart. 3504
14 aprile 1603. Giulio fu Pecino Mori Moroni concede a mastro Francesco fu Battista de Mutiis di fare quella lobia di cui si parla nell'atto del 26 luglio 1591. Dovrà essere larga 7 quarte dal muro ed avere la grondaia per indirizzare l'acqua di sgocciolamento a sud verso l'orto di Giulio.


107
Notaio Conzalli Marino
cart. 3552
c. 75
12 giugno 1603. Gerolamo e Marcantonio Benvenuti dichiarano di mantenere indivisa una terra casata copata curtiva areata ortiva broliva vidata murata di circa 10 pertiche in contrada stratae, ad domos illorum de Benvenutis, che confina ad est con la strada, Alberto Piantoni e l'andata, a sud Rocco Cedrelli, il convento di Sant'Anna e gli eredi di BATTISTA Moroni, ad ovest il convento e gli eredi di Lazzaro Solari, a nord la strada, Alberto Piantoni, Battista Bergamelli ed i Pulzini.


108
Notaio Terzi Gian Giacomo
cart. 2677
c. 1
4 gennaio 1614. Antonio fu Ludovico Signori detto Gentilino vende a Stefano fu Alessandro Marini una terra casata cilterata solerata copata in contrada di Sant'Anna ad viam novam, che confina ad est con beni della Misericordia, a sud Pietro Belli e Teutaldo de Bonellis, ad ovest la via Nova, a nord Giovan Battista e Pietro Moroni.


109
Notaio Seradobati Giacomo
cart. 6306
c. 63
15 aprile 1623. Antonio fu Ludovico Gentilino Signori ed Alessandro fu Stefano Marini, operante anche per i suoi fratelli Giovan Battista, Francesco, Paolo, Antonio e Marino, vendono alle Monache di Sant'Anna una terra casata murata solerata cilterata copata in contrada di Sant'Anna o di Via Nova, che confina ad est con Cristoforo de Tertio, a sud Pietro di Filippino Belli, ad ovest la via che va al Serio, a nord le Monache.


110
Notaio Seradobati Giacomo
Cart. 6306
c. 64
17 luglio 1624. Alessandro fu Antonio Celi Bianconi di Albino fa retrodato alle monache di Sant'Anna di una camera zovata nella casa che le monache hanno acquisito da Zentilino Signori, come da atto allegato del notaio Antonio Ballis dell'8 luglio 1616 che dice: Antonio fu Lodovico Signori vende con facoltà di riscatto ad Alessandro figlio separato di Antonio Celi Bianconi di Albino una camera zovata con solaio posta sopra un suo fondo, in contrada di Sant'Anna, che confina ad est e sud con Cristoforo detto il Gorlago, a ovest la strada, a nord le monache, con il diritto di andata fino alla via pubblica. Alessandro la affitta per 3 anni allo stesso Antonio per 5 lire annue.


111
Notaio Seradobati Giacomo
Cart. 6306
c. 155
18 ottobre 1624. Giuseppe fu Giacomo Antonio Marini ministro della Scuola del Santissimo Sacramento di Albino vende alle monache di Sant'Anna una terra casata murata copata curtiva in contrada di Via Nova ad domos que fuerunt quondam magistri Julii de Moronibus, che confina ad est con gli eredi di Sebastiano Varneri, a sud il passaggio, ad ovest gli eredi di Cristoforo Terzi e le monache di Sant'Anna, a nord il viridarium delle monache; vende anche un fondo esistente a valle del passaggio, che Giulio aveva acquistato da Francesco de Mutiis, con una pezza di terra aratoria ed ortiva di circa due pertiche, che confina ad est con gli eredi di ALESSANDRO Moroni e fratello e in parte con gli eredi di Rocco Cedrelli, a sud la seriola, ad ovest la strada che va al Serio, a nord il passaggio ed in parte detti eredi Moroni.


112
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4714
c. 3
5 gennaio 1633. Padre Vincenzo de Placentiis priore del monastero di Santa Maria del Carmelo di Brescia, procuratore di Pre Giovan Battista canonico della cattedrale di Brescia e dei suoi fratelli Bernardino e Francesco figli del defunto ALESSANDRO Moroni, vende al magnifico Francesco fu Marco Tomini di Albino una terra casata murata copata areata consistente in più corpi di casa, sita in contrada di Sant'Anna o di Via Nova, che confina ad est con Francesco Benvenuti, a sud il passaggio e la terra infrascritta, ad ovest gli eredi di Sebastiano Varneri, a nord il monastero di Sant'Anna; gli vende anche una terra aratoria e vidata, che confina ad est con Patrizio Cedrelli, a sud la seriola ed oltre la via pubblica, ad ovest il monastero di Sant'Anna avente causa dal fu Giulio Moroni, a nord il citato incesso.


113
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4714
c. 4
6 gennaio 1633. Francesco Tomini vende alle Monache di Sant'Anna una terra casata murata copata areata ortiva broliva vidata in contrada di Sant'Anna o di Via Nova, che confina ad est con Francesco Benvenuti, a sud il passaggio e oltre la terra infrascritta, ad ovest gli eredi di Sebastiano Varneri, a nord il monastero; vende loro anche una terra aratoria e vidata, che confina ad est con Patrizio Cedrelli, a sud la seriola ed oltre la via, ad ovest il monastero avente causa dal defunto Giulio Moroni, a nord il passaggio citato. La terra era stata acquistata dagli eredi di ALESSANDRO Moroni cittadino di Brescia.


114
Archivio di Stato di Milano, Fondo di religione
Cart. 3089
c. 319
15 febbraio 1634. Gli eredi di Sebastiano Varneri vendono alle Monache di Sant'Anna una terra casata copata areata in contrada di via Nova, la casa di Varneri, che confina ad est e nord col monastero, a sud il passaggio del monastero, ad ovest gli eredi di Usubello Usubelli.


115
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4715
c. 101
10 maggio 1635. Bartolomea fu Francesco Mutii, moglie di Giovan Battista Spini, e le Monache di Sant'Anna fanno la seguente permuta:
le Monache cedono una terra casata murata copata ortiva in Albino contrada dell'Albina detta la casa di Baster; Bartolomea cede alle Monache la casa che consiste in una stanza con solaio con tutte le altre stanze superiori e logge copate in contrada di Sant'Anna, che confina ad est con gli eredi Bartolomeo Carrara, a sud e nord il monastero, ad ovest la strada.


116
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4715
c. 106
11 maggio 1635. Giacomo fu Giovannino Azzola vende al monastero una terra casata murata copata, ossia un fondo terraneo con stanze superiori e loggia in contrada di Sant'Anna, che confina ad est con il fu Bartolomeo Carrara e Bartolomea Belli sua moglie, a sud le Monache per acquisto fatto da Bartolomea fu Francesco Mutii, ad ovest la strada, a nord il monastero.


117
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4715
c. 104
11 maggio 1635. I tutori di Pietro e Tarsia fu Vincenzo Belli, eredi dei coniugi Bartolomea fu Pietro Belli e Bartolomeo Carrara, vendono al monastero di Sant'Anna una terra casata murata copata, cioè un fondo terraneo con due camere sopra e solaio in contrada di Sant'Anna, che confina ad est con Giovan Antonio fu Cristoforo Terzi, a sud ed ovest il monastero che ha acquistato dagli eredi Mutii e da Giacomo Azzola ed Aurelia sua moglie, a nord il monastero.


118
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4715
c. 105
11 maggio 1635. Giovan Antonio fu Cristoforo Terzi vende al monastero di Sant'Anna una terra casata murata copata areata porticata in contrada di Sant'Anna, che confina ad est e nord con il monastero che ha avuto causa da più persone, a sud il transito di ragione della casa venduta, ad ovest la strada pubblica.


119
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4715
c. 110
14 maggio 1635. Le Monache di Sant'Anna e Francesco fu Girolamo Benvenuti fanno permuta. Francesco cede le muraglie di 148 cavezzi di sua proprietà che dividono il suo brolo a sud da quello che le Monache hanno acquistato da Bernardino Moroni ed il campo acquistato da Patrizio Cedrelli; tutta la parte del suo brolo che è tra la cantonata del muro che divide il brolo detto di MORETTI e la strada fino alla cantonata della porta del Benvenuti che immette nella strada di Cod'agher a sud, così che detta porta resti libera per Francesco, e da questa cantonata fino a dove termina il brolo di MORETTI che appartiene alle Monache. Le Monache potranno cintare con un muro alto quanto conviene alla clausura monastica. Nel brolo c'è un torresino con solaio e tetto. Le Monache cedono a Francesco una terra aratoria in Albino, a Loreto.


120
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4715
c. 111
15 maggio 1635. Patrizio fu Rocco Cedrelli vende alle Monache di Sant'Anna una terra aratoria in codagro, che confina ad est con la strada, a sud la seriola, ad ovest le Monache che hanno avuto causa dai MORETTI, a nord le Monache che hanno avuto causa da Francesco Benvenuti e in parte dai MORETTI; e inoltre un'altra terra aratoria di 30 tavole lì vicina, che confina ad est con le Monache per acquisto fatto dai MORETTI, a sud la seriola, ad ovest la strada, a nord le Monache. In tutto sono 7 pertiche, 9 tavole ed 8 piedi di terra.


121
Notaio Bianchetti Simone
cart. 4715
c. 114
7 luglio 1636. I tutori del minore Bartolomeo fu Domenico Piantoni vendono alle Monache di Sant'Anna il diritto di condurre l'acqua in perpetuo dal fiume Albina fino al monastero passando per la terra di Bartolomeo Piantoni in codagro situata ad ovest dell'Albina, con il diritto di transitare per la ripa per pulire la bocca di presa. La servitù potrà essere revocata se gli eredi Piantoni decideranno di chiudere con muro quella terra e le Monache dovranno scavare l'acquedotto abbastanza in profondità e rimettervi sopra la terra per poter coltivare. Se per qualche rottura ci sarà inondazione le Monache dovranno risarcire il Piantoni. L'opera dovrà essere portata a termine entro il prossimo mese di settembre a spese del monastero.


122
Archivio di Stato di Milano, Fondo di Religione
cart. 3087
Fondi e livelli in Albino.
30 dicembre 1680. Cristoforo Sozzi Vimercati vende al conte Giovanni fu Bernardo
Spini una casa in contrada dell'Albina copata areata porticata ortiva broliva, che confina ad est con Simone Bergamelli, reverendo Lupatti, eredi di Francesco Bellavite mediante il brolo, in parte la strada di codagro, a sud ed ovest il monastero di Sant'Anna, a nord la strada cavalcatoria, Bergamelli e Lupatti;
ed una casa copata areata porticata, che confina ad est con la casa sopra citata, a sud la chiesa delle Monache, ad ovest la strada di Sant'Anna, a nord la strada di Bergamo.


123
Notaio Ginammi Pietro
cart. 4943
5 gennaio 1699. Il conte Giovanni Spini, operante anche per il fratello Carlo, conferma la vendita alle Monache di Sant'Anna di una terra casata murata copata areata porticata ortiva e broliva in contrada dell'Albina, che confina ad est con Marcantonio Piligrini, gli eredi di Benedetto Lupatti, gli eredi di Francesco Bellaviti mediante il brolo, e in parte la strada di Codagro, a sud le Monache, ad ovest le Monache e la casa qui sotto, a nord la strada cavalcatoria e i citati Piligrini e Lupatti; e un'altra terra casata copata murata areata e porticata, che confina ad est con la casa sopra descritta, a sud la chiesa delle Monache, ad ovest la strada di Sant'Anna, a nord la strada cavalcatoria.